www.gruppohera.it|
Anno: VI  N°: 62
30 Marzo 2011
Logo HERA SPA - Holding Energia Risorse Ambiente
|Newsletter|Sindaci|
IN PRIMO PIANO
marchio Gruppo 30-03-2011
Gruppo Hera, bilancio 2010 in forte crescita

Una crescita dei risultati tra le più significative dalla costituzione del Gruppo Hera a oggi. Esprimono questo i conti della multiutility al 31/12/2010, approvati lo scorso 24 marzo.
Il Margine Operativo Lordo (MOL) consolidato di Gruppo alla fine del 2010 è salito a 607,3 milioni, con una crescita del 7,1% rispetto ai 567,3 milioni del 2009. Un risultato che rappresenta la crescita organica più significativa realizzata nella storia di Hera. L'utile netto chiude invece in progresso del 65% a 117,2 milioni Tutte le aree di attività hanno fornito un positivo contributo alla crescita del MOL, con un particolare incremento nel settore energetico. Il dividendo proposto, grazie agli ottimi risultati, è salito a 9 centesimi per azione, rispetto agli 8 dell'anno scorso.
Area Ambiente
L'area Ambiente, in cui Hera si conferma leader nazionale, chiude con un MOL a 195,1 milioni (+4,2%), grazie alla crescita dei volumi dei rifiuti smaltiti, saliti a 5,7 milioni di tonnellate (rispetto ai 5,1 milioni del 2009). La leadership del Gruppo riguarda anche la raccolta differenziata, che sale al 47,8% dal 44,8% del 2009.
Area Gas
L'area Gas, raggiunge un MOL di 193,9 milioni (+11,2%). Il risultato ha beneficiato della progressiva entrata a regime del sistema tariffario nella distribuzione gas, dei maggiori volumi intermediati nell'attività di trading, sostenuti dal livello dei consumi e delle flessibili modalità di approvvigionamento con i fornitori.
Area Elettrica
L'area Elettrica, sale a un MOL di 59,8 milioni (+12,8%). I volumi di vendita si incrementano del 9,9% grazie al successo dell'attività commerciale, con vendite che hanno raggiunto i 7,7 TWh, grazie all'allargamento della base clienti di quasi 50.000 unità (+14,1%).
Area Ciclo Idrico
Per quanto concerne l'area Ciclo Idrico, il MOL si attesta a 142,0 milioni (+8,0%) E' proseguito in quest'ambito il grande impegno in termini di investimenti realizzati nel territorio, in particolare nell'area del risanamento fognario-depurativo. Complessivamente, nel Servizio Idrico Integrato è stato investito il 27% del totale degli investimenti del Gruppo.
Solidità finanziaria in crescita
Gli investimenti netti effettuati nel corso del 2010 per il mantenimento e lo sviluppo degli impianti, coincidono con quanto delineato dal Piano Industriale e si attestano a 341,9 milioni. Di segno positivo anche la dinamica della Posizione Finanziaria Netta che scende a 1.860,2 milioni rispetto a 1.891,8 milioni del 2009. La solidità finanziaria migliora di conseguenza, evidenziando una completa copertura dei debiti con mezzi propri e con un rapporto debiti/MOL pari a circa 3 volte.


 
NOTIZIE
» 30-03-2011   Obiettivo 2014: MOL a 750 milioni
teleriscaldamento Ferrara

I conti Hera 2010, oltre a rafforzare solidità e redditività del Gruppo, confermano la linea di sviluppo tracciata dal Piano Industriale al 2014, che prevede il raggiungimento di un Margine Operativo Lordo di € 750 milioni (rispetto ai 607 del 2010), di un ROE oltre il 9% e di un rapporto fra posizione finanziaria netta e margine operativo in discesa a 2,8, ed anche meno in caso di piena conversione del prestito convertibile collocato lo scorso novembre.
Il tutto trainato da un modello di business orientato all'efficienza, equilibrato tra le diverse aree strategiche e volto a valorizzare le posizioni conquistate in questi anni, nonché le opportunità che il mercato sta offrendo.

"Il Piano prevede una crescita equilibrata in tutte le aree d'affari", spiega Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente Hera. "Un importante apporto alla crescita del MOL arriverà dall'area ambiente, che sta già beneficiando del completamento della dotazione impiantistica. Nell'area energetica la crescita avverrà soprattutto grazie alle politiche di approvvigionamento ed espansione sui mercati, con l'obiettivo di raggiungere una base clienti di 2 milioni, grazie soprattutto allo sviluppo delle attività di cross-selling fra utenze energia elettrica e gas".

Il piano pone grande attenzione agli investimenti nelle infrastrutture di rete (energia elettrica, gas, teleriscaldamento e idrico), che contribuiranno agli obiettivi del Piano grazie soprattutto alla prosecuzione dei processi di efficientamento e di innovazione gestionale. "Anche nei prossimi anni", afferma Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato, "continueremo a porre grande attenzione agli investimenti nelle reti, che contribuiranno alla crescita soprattutto grazie ai processi di ulteriore efficientamento e innovazione gestionale e tecnologica. In particolare gli investimenti si assesteranno su 340 milioni medi annui, di cui oltre la metà nelle attività regolate e saranno completamente coperti da autofinanziamento. Ciò consentirà di mantenere ai massimi livelli la qualità del servizio erogato ai circa 3 milioni di clienti".


» 30-03-2011   Herambiente si conferma leader nazionale con 5,7 milioni di rifiuti trattati
impianto biomasse Caviro

E' stato un anno particolarmente importante il 2010 per Herambiente, la controllata che raccoglie l'intero parco impiantistico per smaltimento e trattamento rifiuti.
77 impianti che ne fanno il primo operatore italiano del settore, con 5,7 milioni di tonnellate trattate (rispetto alle 5,1 del 2009), fra biodigestori, discariche, impianti di termovalorizzazione, compostaggio, recupero-selezione della differenziata e trattamento chimico-fisico, oltre ad altri per il trattamento di rifiuti speciali di origine industriale.
La strategia di crescita della filiera a ottobre 2010 si è rafforzata con l'ingresso in Herambiente del fondo inglese Eiser Infrastructure Ltd, un partner di lungo periodo in grado apportare risorse per lo sviluppo e al tempo stesso aprire una prospettiva internazionale.

Nel 2010 si è chiuso il ciclo di investimenti che ha portato al completo rinnovo di 5 dei 7 termovalorizzatori gestiti. Per l'anno in corso l'impegno della società proseguirà sulle politiche di valorizzazione dei rifiuti, sia come materia, grazie ai suoi 5 impianti di selezione delle frazioni secche ed agli 11 di compostaggio, sia per il recupero energetico, che nel 2010 ha portato alla produzione di 530 GWh/anno, attraverso termovalorizzatori e biogas/biomasse.
E proprio sulle biomasse, a inizio 2011, è stata acquisita da Caviro, leader nel settore vitivinicolo, la partecipazione in una società che produce energia elettrica rinnovabile da scarti di lavorazione dell'uva e da altre componenti organiche. L'impianto realizzato per il progetto avrà una potenza a regime di 13,7 MWe, pari al fabbisogno di circa 29.000 famiglie e comporterà un risparmio di anidride carbonica immessa in atmosfera di 35.488 ton./annue di CO2. Sempre sul fronte delle rinnovabili, Herambiente è al lavoro per la realizzazione di parchi fotovoltaici presso le discariche dismesse e di ulteriori iniziative nelle diverse tecnologie che valorizzano le biomasse.


» 30-03-2011   Luce e gas: oltre 100 mila nuovi clienti
servizi on line

Centomila nuovi clienti fra energia elettrica e gas. E' il bilancio 2010 della vendita energetica sui mercati liberalizzati per il Gruppo Hera.
Un risultato che ha contribuito in modo determinante alla crescita del MOL complessivo.
Nell'area gas Hera si consolida
fra i primi 5 player nazionali del settore, con quasi 3 miliardi di metri cubi venduti a oltre 1 milione di clienti e 0,75 miliardi di metri cubi venduti sui mercati all'ingrosso e termoelettrico.
Nell'area elettrica, con 7,7 TWh di energia venduta a circa 400.000 clienti e 16,6 TWh di energia scambiata su piattaforme di trading, il Gruppo sale invece all'8° posto in Italia.

Due in particolare gli elementi che hanno contribuito a uno sviluppo equilibrato della base clienti, sia sul segmento famiglie che corporate. Da un lato, il portafoglio di approvvigionamento upstream non appesantito da contratti di lungo periodo, ha consentito di beneficiare delle buone condizioni di acquisto all'ingrosso per migliorare la redditività e la competitività, riversando i minori costi di approvvigionamento sulle condizioni applicate ai clienti finali.
Dall'altro, la strategia di espansione commerciale anche al di fuori dei confini dell'Emilia-Romagna, che ha puntato sulla qualità della rete di vendita e del servizio post-vendita. Quest'ultimo basato su 3 pilastri: una rete di oltre 100 sportelli fisici, due call center (clienti domestici e imprese) sempre ai primi posti della graduatoria stilata semestralmente dall'AEEG e una piattaforma di servizi on line molto apprezzata dai clienti: il suo utilizzo ha assorbito in meno di 2 anni il 10% dei contatti eseguiti.


» 30-03-2011   Una produzione elettrica sempre più "green"
centrale Imola

Utilizzo delle coperture delle sedi per la produzione fotovoltaica, valorizzazione energetica della frazione organica dei rifiuti attraverso nuovi digestori, nuove produzioni da biomasse, recupero delle discariche esaurite attraverso lo sviluppo del biogas e di parchi fotovoltaici: sono tante le azioni già in cantiere o in progetto per potenziare in Hera la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Una produzione che nel 2010 ha inciso per oltre il 30% sul totale della generazione della multiutility. Percentuale che sale all'80% considerando l'energia a basso impatto ambientale, che include, oltre alle rinnovabili, anche la cogenerazione ad alto rendimento.
Grazie a questo impegno, unito alle azioni di miglioramento dell'efficienza energetica, dal 2005 al 2010, Hera ha contribuito all'abbattimento di oltre 1 milione di tonnellate di CO2.
L'approccio della multiutility all'energia green anche per i prossimi anni si caratterizzerà per un portafoglio di fonti e di tecnologie differenziato, che comprende produzione da fotovoltaico, termovalorizzatori, idroelettrico e biomasse. E proprio quest'ultima area, in un territorio come l'Emilia-Romagna, caratterizzato da importanti filiere agro-alimentari e ampie superfici verdi, è destinata ad acquisire peso crescente. Così come crescente è l'impegno sugli elementi abilitanti finalizzati a rendere le infrastrutture di rete sempre più flessibili, attraverso le cosiddette "smart grid", e una valorizzazione territoriale dell'energia "verde" prodotta, attraverso un progetto con la Regione Emilia Romagna di mobilità elettrica, che muoverà i suoi primi passi alla fine del 2011.


» 30-03-2011   Un miliardo di euro di investimenti per un'acqua di qualità
Rimini

Oltre 1 milione di clienti serviti attraverso 31.000 km di rete e 251 milioni di metri cubi di acqua venduta. Sono i numeri che fanno di Hera il secondo player italiano nella gestione dei servizi idrici, un settore fondamentale per lo sviluppo del territorio, in cui l'impegno di Hera si traduce anche in una mole di investimenti che, dal 2005 al 2015, ammonta a circa 1miliardo di euro.
Gli oltre 500 milioni già spesi negli ultimi 5 anni hanno contribuito a raggiungere risultati importanti in termini di qualità del servizio: oltre a erogare un'acqua di qualità, su cui effettua più di 400mila analisi all'anno, Hera è infatti la società italiana che nel settore idrico vanta la minore quantità di perdite per chilometro di rete (7,8 mc/km/giorno) tra le principali aziende utility. Un risultato che si prevede di migliorare ancora con un'ulteriore riduzione dell'8% fino ad arrivare a 7,2 mc/km/giorno nel 2014.
Un notevole volume di investimenti infine (c.ca il 50% del totale) è stato e continuerà ad essere destinato nei prossimi anni alle infrastrutture di fognatura e depurazione, fondamentali per garantire la migliore qualità dell'acqua trattata, reimmessa nei corpi idrici superficiali.


NOTIZIE DA MODENA
» Newsletter Sindaci: novità in arrivo

Un dialogo che Hera cerca da sempre di valorizzare e privilegiare, vedendo nella comunicazione con il territorio un vero e proprio valore aggiunto.
Con questo obiettivo Hera sta lavorando a un restyling della Newsletter Sindaci che, dai prossimi numeri, arriverà rinnovata nella veste grafica e arricchita di contenuti sempre più aggiornati e d'interesse per il territorio.

Notizie su attività e servizi, risultati e obiettivi, ma anche focus, approfondimenti e aggiornamenti flash, faranno della nuova Newsletter Sindaci uno strumento di comunicazione che possa essere sempre più utile agli Amministratori locali per essere in contatto con l'Azienda.

Hera S.p.A. - tel +39 051 287111 - fax +39 051 2814036 - email|

Newsletter Sindaci Hera - Notiziario
Aut. Trib. di Bologna 7690 del 7.08.2006
Direttore Responsabile: Giuseppe Gagliano - In Redazione